Centrodestra. Forza Italia si separa da Liguria Popolare

2' di lettura 30/06/2021 - (DIRE) Genova, 30 giu. - Fine dell'idillio tra Forza Italia e Liguria popolare. Dopo il tentativo non troppo riuscito di dare vita a una nuova formazione moderata all'interno del centrodestra ligure alle ultime consultazioni regionali, il binomio si sfalda.

La rottura si compie a causa di un'altra tornata elettorale, quella amministrativa della prossima primavera a Savona, dove Liguria popolare, che fa riferimento al sottosegretario alla Salute ed ex consigliere regionale, Andrea Costa, ha deciso di andare per conto proprio. "Questa mattina comunicherò formalmente alla presidenza del consiglio regionale la modifica del nome del gruppo consiliare da me presieduto, Forza Italia - Liguria Popolare, che da oggi avrà come nuova denominazione quella di gruppo Forza Italia", annuncia il consigliere regionale azzurro Claudio Muzio, unico eletto della lista accoppiata lo scorso anno. "Si tratta di una decisione inevitabile dopo quanto avvenuto a Savona, dove Liguria Popolare ha scelto di candidare a sindaco, in alternativa al candidato della coalizione di centrodestra (Angelo Schirru, ndr), colui che fino a pochi giorni fa era il capogruppo e coordinatore cittadino del mio partito, Francesco Versace- spiega il berlusconiano-, con tale scelta Liguria Popolare si pone di fatto fuori dal perimetro dell'attuale maggioranza che governa la Regione, per la quale io, in nome e per conto di Forza Italia, ho chiesto ai cittadini i voti alle elezioni dello scorso settembre".

Insomma, prosegue Muzio, "non sussistono più le condizioni per rappresentare in consiglio regionale anche Liguria Popolare. A malincuore ne prendo atto e assumo le decisioni conseguenti. Esprimo amarezza nel vedere naufragare un progetto nel quale ho creduto molto e nei confronti del quale mi sono sempre comportato con la massima lealtà. Ma il rispetto del mandato ricevuto dagli elettori viene, per me, prima di ogni altra considerazione. Rimangono immutati i rapporti personali, ma le nostre strade politiche, da oggi, si dividono". (Sid/ Dire)






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 30-06-2021 alle 10:36 sul giornale del 01 luglio 2021 - 124 letture

In questo articolo si parla di politica, agenzia dire

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b9u1





logoEV